ORSÒLA E IL PESCIOLINO D'ORO

125553177_10157780292725893_7530286458251928813_o.jpg

con Alice Conti

ideazione, regia, spazio scenico e marionette Alice Conti

drammaturgia Alice Conti e Chiara Zingariello

disegno luci Alice Colla

disegno sonoro Dylan Alexander Lorimer

produzione Teatro della Caduta e Il Mutamento

con la complicità di Ferrara OFF e LabArca Milano

Alla fine della favola Il pesciolino d’oro di Puškin l’anziana moglie del pescatore, spinta da una febbre di accumulo illimitato di ricchezza, ha perso tutto.

Ora Orsòla si prepara a pescare da sola, a sopravvivere a se stessa. Cattura il pesciolino d’oro a cui vuole fare la pelle, lo sventra e vi trova un fagotto avvolto in una coperta termica, una bimba dalla pelle scura. La rianima, la scaccia come un insetto, infine la guarda in viso e la culla.

È la storia di una relazione – inaspettata e indesiderata – che le trasforma entrambe, un rapporto d’amore non convenzionale. Un contatto sconvolgente tra mondi lontanissimi, come possono essere esotiche e tuttavia familiari e intime le relazioni tra generazioni, come tra bisnonna e nipote. Come tra vecchi e nuovi cittadini, autoctoni e migranti, pescatori e pesciolini d’oro.

L’incontro con l’Altro è sempre uno shock e un rispecchiamento. Due marionette ibride a taglia umana e un’attrice cantano una storia contemporanea di solidarietà e convivenza. In un mondo che dondola e periodicamente crolla l’unica ricchezza è quella umana: siamo tutti sulla stessa barca.

Orsòla e il pesciolino d'oro è uno spettacolo di marionette e ombre pensato per bambini dai 5 anni in su.